Solo un po' di terra e un albero sopra

by Carmona Retusa

supported by
Nsaw
Nsaw thumbnail
Nsaw Harsh nervous noise rock filled with wrath an anger. Look no further, you found it. Also, never disappointing italian lyrics. Favorite track: Scavato.
/
  • Streaming + Download

    Purchasable with gift card

     

  • Record/Vinyl + Digital Album

    Includes unlimited streaming of Solo un po' di terra e un albero sopra via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 7 days

      €10 EUR or more 

     

  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    Includes unlimited streaming of Solo un po' di terra e un albero sopra via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 7 days
    2 remaining

      €8 EUR or more 

     

  • T-Shirt/Apparel

    omaggio a Maruo Suehiro.
    ships out within 7 days

      €10 EUR or more 

     

  • T-Shirt/Apparel

    omaggio a Maruo Suehiro.
    ships out within 7 days

      €10 EUR or more 

     

  • T-shirt verde taglia L
    T-Shirt/Apparel

    artwork di Chiara Fucà.

    Sold Out

  • T-shirt bordeaux taglia L
    T-Shirt/Apparel

    artwork di Chiara Fucà.

    Sold Out

1.
Pazienza 01:21
ciao mamma, ciao papà sono tornato per sempre ho finito di scherzare, di drogarmi e di frequentare brutta gente sono qui per restare, per mangiare con voi per essere svegliato ogni mattina perché voi mi mettiate i vestiti che volete con le camicie stirate... le camicie voglio la mia stanzetta e farmi degli amici nuovi e venire al mare con voi ma solo se sono buono solo se suono buono vi ricordate? era estate, eravamo in campagna e mi mettevate gli orecchini di ciliegia... gli orecchini di ciliegia.
2.
Risposta 02:11
Lo so che vuoi essere felice ma non lo sarai mai e mi dispiace. Non si tratta solo di te, l'hai ereditata da me e da tuo padre la bruttezza che hai dentro, sei nato sbagliato. Ora puoi anche riempire la tua vita di progetti ma questo non ti completerà. Tu sei tu figlio mio, e non c'è cura per questo.
3.
Caos 02:37
Non ti nascondi quando bestemmi ai lati della stanza in un silenzio finto sottopelle senti camminare un assillo sorto in quell'attimo. Vivi una trappola, il cuore è cucito lento costretto a sentire il proprio battito vivi una trappola, il cuor è cucito lento costretto a sentire che c'è un respiro testardo è stato taciuto nel fango come un oblio rivolto a sé. Soffocante caos, eccoti tornare, ordine morente, conflitto secolare. Vivi una trappola, il cuore è cucito lento costretto a sentire il proprio battito un respiro testardo è stato taciuto nel fango come un oblio rivolto stretto in un angolo. Tu neghi la scelta di restare avvinghiato ad un ricordo sciolto nell'acido se l'occhio nel litio scorgerà un uomo caduto nel baratro. Soffocante caos, eccoti tornare, ordine morente, conflitto secolare. Non sta invecchiando, non suda sangue. No non importa, no non ha senso, germoglia. Dov'è il diavolo? Puzza di zolfo, l'inferno è qua.
4.
Porte 03:05
A volte sento come se fossi nato con una perdita, ed ogni cosa buona che ho cominciato fosse gocciolata via lentamente, e non tornerà più, mai più, dentro di me. Mi sveglio tutti i giorni in mezzo all'oscurità, blocca la mia vista. Sono debole, e stanco, ma continuerò a vedere ognuna delle mie decisioni sbagliate.
5.
Piangere 03:29
Mordiamo e fuggiamo solo l’aria, solo il prossimo, e con tutti i nostri sforzi non ci spostiamo di un millimetro. Cerchiamo di trarre dai libri tregua al dolore, stanchi di essere invischiati nei grovigli di una vita. Preferiamo il silenzio del buio che discute con la luce per spartirsi il paesaggio in un angolo uguale, oscuro. Dicono di aver lavorato tanto per costruire il paradiso, per poi scoprire che è popolato di orrori. Quando penserete di riuscire a sorridere, noi vi insegneremo a piangere.
6.
Carne 01:39
Sollevo il cuore all’altezza delle labbra per rimanere con la bocca preso nella rete dei tuoi capelli. La mia mano non si rassegna e stringe / la tua carne scura / spinge il mio sguardo più dentro fino al di là del tutto. I nostri ieri ripetono un eco senza / parole / scorrono nella corrente che ci ha portato qui. Ed io ti assicuro certe volte che hai paura di me è perché sai che puoi fidarti. D’ora in poi saremo la bestia che grida nel ventre del mondo Fino all’ultima sillaba del tempo.
7.
Scavato 02:55
Non so come ma certe cose io le vedo e basta. Ho chiuso i miei stanchi e ho osservato quel mondo che pensavo di conoscere. Io mi batterò finché dalle mie ossa non si stacchi le carne. Io mi batterò. Sono le piaghe di un malato seduto di fronte a un piano immaginario scavato a forza da suoni ancestrali e lontani. Io mi batterò finché dalle mie ossa non si stacchi le carne. Io mi batterò, ancora.
8.
Selenofilia 03:07
Chiedo scusa per il disordine, oggi ho avuto molto altro da fare, domani potrebbe essere diverso. Chiedo scusa per ciò che non ho detto, ma oggi ho avuto molto altro da esprimere, domani potrei non aver voglia di parlare. A quest’ora eravamo amanti di sale e adesso non voglio ricordare il nostro scoglio nel mare immerso e nei tuoi occhi cieco amore. Tutto sommato ora avrei una Luna, tutto sommato ora non sei qui con me. Prometto di aspettarti lì e anche se mi viene a mancare il fiato provo a respirare. Prometto contro l’insaziabile pioggia di stringerti nell’ultimo abbraccio per ricominciare. Prometto di amare, di essere disposto a viaggiare sulla superficie del sole, dove puoi cantare la nostra fine. Sono l’orologiaio che porta indietro le lancette per macinare il mio volto insignificante, così da non dover tagliare questa gola, e quando finirò per tacere grideranno le pietre. Non farò altro che esercitarmi a dirti addio. Tutto questo mi fa schifo.
9.
Rei 03:49
Le cose che io possiedo sono una vita, uno spirito e ciò che lo racchiude: il corpo. Chi è costui? Sono io. Cosa sono io? Montagne imponenti: cose che mutano in un lungo tempo. Cielo plumbeo: una cosa unica agli occhi. Il Sole: una sensazione piacevole. Molte cose uguali, molte cose inutili. Io odio il colore rosso sangue. Il colore del sangue. L’odore dell’uomo. Sento il mio corpo che si discioglie, non riesco a distinguere me stesso, la mia forma. Io, una cosa creata da Dio. Dio, una cosa creata dall’uomo. Sento il mio corpo che si discioglie, non riesco a distinguere me stesso, la mia forma si dissolve. (Avverto presenze esterne. C'è qualcuno là fuori, al di là della soglia? Cosa sei tu? Chi sei tu? Chi sei tu? Chi sei tu?)

about

Scritto, prodotto e suonato dai Carmona Retusa.
Testi di Benito Antonio Carrozza.

Benito Antonio Carrozza - basso.
Lorenzo Spinelli - voce e chitarra.
Andrea Coniglio - batteria.

credits

released March 9, 2018

Registrato e mixato da Enrico Baraldi presso il Vacuum Studio ed il Waiting Room Audio di Bologna. Masterizzato da Carl Saff al Saff Mastering di Chicago (USA).

Grafiche di Chiara Fucà.

license

all rights reserved

tags

about

Carmona Retusa Turin, Italy

ciao mamma ciao papà

contact / help

Contact Carmona Retusa

Streaming and
Download help

Report this album or account

If you like Carmona Retusa, you may also like: